news

La cicerchiata



Tra tutti i dolci di carnevale, comunemente detti “fritture”, quella che più mi è sempre piaciuta è la cicerchiata. Ne vado realmente pazza, tanto che non posso non mangiarla se ne ho davanti e soprattutto non riesco a mangiarne una quantità decente: devo sempre esagerare!

E mi piace anche farla, e poi con tutte le meravigliose uova che le galline ci sfornano in questo periodo…..

Questa frittura mi riporta tanti, troppi ricordi infantili : mi sembra ancora di vedere mia mamma curva nel camino , a friggere sulla fiamma viva del fuoco, con una pesante padella di ferro , nera di fumo, appoggiata ad un treppiede. la sua faccia rossa e accaldata.

E posso quasi sentire ancora lo sfrigolio e l’odore intenso e buono dello strutto e poi quello del caramello;

posso vederla ancora oggi, mia madre, vivamente implorare mio padre di non mangiarne troppa e di conservarne per noi, le bimbe; babbo è sempre stato come ancor oggi, un gran ghiottone e dovevamo litigarci con lui tutte le buone pietanze!

Mia madre è molto brava a fare la cicerchiata, ed io ho imparato da lei, ed ho imparato bene!
Si inizia facendo un impasto di uova e farina, come per la sfoglia, aggiungo di diverso solo un po’ di mistrà o anice secco.


Poi si fanno piccoli segmenti, arrotolandoli con le mani, del diametro di una matita. Lasciarli asciugare abbastanza prima di tagliarli, così che non si attacchino, poi procedere.


Tagliarli molto piccoli, poi friggerli in abbondante strutto di buon suino allevato in libertà e con amore! Possibilmente su una stufa a legna!


Tirar fuori le piccole “cicerchie ” dall’olio e metterle ad asciugare in carta paglia o assorbente, si potrà quindi notare se veramente si è usato del buon strutto che la frittura è asciutta e non unge.

Tagliare quindi un po’ di buccia di agrumi non trattati!


Sciogliere zucchero e miele, aggiungere la buccia di agrumi e la cannella spezzettata finemente, (mamma fa anche una versione “nera” con del cacao), poi quando tutto è ben sciolto e amalgamato, versare le cicerchine,


mescolare sempre,

poi versare il composto ottenuto su di un tagliere precedentemente bagnato, così che si possa poi staccare con facilità. Battere forte con una spatola (io uso un grande e largo coltello) perchè i pezzettini si saldino bene insieme, lasciare raffreddare, poi tagliare in piccole porzioni.

Buon appetito!